skip to Main Content
Pizzo Deta

Pizzo deta da Prato di Campoli

Torniamo sui Monti Ernici, la nostra destinazione invernale è Pizzo Deta (2041 m). Invernale solo perché è Febbraio. Date le condizioni metereologiche e l’innevamento sembra Primavera. Parcheggiamo a Prato di Campoli (1134 m), attraversiamo i vasti prati e ci addentriamo dentro le stupende faggete che filtrano le prime luci del mattino.

Prime luci
Prime luci

 

Puntiamo direttamente la vetta e abbandoniamo il sentiero. Soltanto usciti, dalla copertura arborea, cominciamo a trovare in maniera consistente e duratura le lingue di neve che si arrampicano fino alla cresta.

Lingue di neve
Lingue di neve

 

Ci armiamo di ramponi e cominciamo la nostra ascesa che ci porta sulla bellissima linea di cresta che collega questi monti. I paesaggi appenninici cominciano ad aprirsi davanti i nostri occhi.

Intercettiamo la linea di cresta...
Intercettiamo la linea di cresta…

 

I versanti Abruzzesi dei Monti Ernici scendano a valle molto più decisi rispetto a quelli laziali. Raggiunta la cresta, ci troviamo proprio sotto la cima di Pizzo Deta, l’ultimo tratto è misto tra neve e rocce e arriviamo sulla vetta di questo bellissimo monte, dove ci attende la Madonna delle Vette posta vicino la croce.

Madonna delle vette
Madonna delle vette

 

Questo monte, che segna una linea di confine tra Abruzzo e Lazio, non si cela allo sguardo di chi lo visita per tutta l’ascesa. Soltanto alla fine si mostra e ci svela infiniti confini presentandoci il suo punto di veduta. Linee fisiche separano regioni e stati, linee immaginarie arrivano fino agli orizzonti. Varcare orizzonte dopo orizzonte, fin dove l’occhio può mirare senza confine alcuno.

Pizzo Deta
Pizzo Deta

 

Riscendiamo da Pizzo Deta, percorrendo sempre la linea di cresta arriviamo al vicino Monte Pratillo (2007 m). Intercettiamo una lingua di neve e velocemente perdiamo quota fino a rientrare nella faggeta e a intercettare il sentiero segnato.

Immense faggete
Immense faggete

 

Ci togliamo i ramponi e camminiamo tranquillamente in mezzo ai boschi fino a tornare a Prato Campoli.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top
×Close search
Cerca

Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Accettando i cookie ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi