skip to Main Content
Pizzo D’Intermesoli

Pizzo D’Intermesoli da Campo Imperatore

Oggi vi porto nel cuore del Massiccio del Gran Sasso, uno degli itinerari più belli dell’Appennino. Il trekking ci porta sulla terza vetta più alta del Gran Sasso, Pizzo D’Intermesoli (2635 m).

Campo Imperatore
Campo Imperatore

 

Parcheggiamo la macchina a ridosso dell’albergo di Campo Imperatore (2130 m). È l’ora del crepuscolo quando incominciamo l’ascesa. Dopo circa 20 minuti arriviamo al Rifugio Duca degli Abruzzi (2388 m), la prima tappa del giorno. Lo scenario che si presenta dal rifugio nell’ora dell’alba è qualcosa di inspiegabile. Il sole lentamente si leva dal Mare Adriatico illuminando tutta la sottostante piana di Campo Imperatore. Le prime montagne che vengono colorate dai raggi del sole sono: Monte Camicia e Monte Prena. Poi il Corno Grande proprio sopra di noi, bellissimo, imponente e roccioso si colora di rosa creando un’atmosfera alpina tutta da respirare.

Corno Grande
Corno Grande

 

In direzione nord-est il primo ad illuminarsi è Pizzo Cefalone, invece rimangono nella penombra il lontano Monte Corvo e la cima del giorno, Pizzo D’Intermesoli.

Le tre montagne: Pizzo Cefalone, Monte Corvo, Pizzo D'Intermesoli
Le tre montagne: Pizzo Cefalone, Monte Corvo, Pizzo D’Intermesoli

 

Dal Rifugio voltiamo a sinistra e cominciamo a camminare in direzione di Pizzo Cefalone fino a raggiungere il vicino Monte Portella.

Monte Portella
Monte Portella

 

Il cammino attraversa un sentiero di cresta fino ad arrivare al Passo della Portella. Adesso voltiamo a destra, a sinistra il sentiero continua per Pizzo Cefalone (Via normale Cresta E). Si scende, puntando i tacchi su un ghiaione fino ad arrivare sotto le pareti rocciose del Pizzo Cefalone. Lo scenario è stupendo, si possono mirare il Pizzo D’Intermesoli e il Corno Piccolo separati dalla Val Maone, una delle più belle valli glaciali dei Massiccio del Gran Sasso.

Val Maone
Val Maone

 

Da adesso il sentiero risale abbastanza velocemente, ed ecco che abbiamo un incontro ravvicinatissimo con i Camosci dell’Appennino, da così vicino non li avevo mai visti. Dapprima scappano, poi si fermano su di una roccia al sicuro per controllare i nostri spostamenti.

Camoscio dell'Appennino
Camoscio dell’Appennino

 

Arriviamo alla Sella del Cefalone, a sinistra il sentiero conduce sulla vetta del Pizzo Cefalone (Via normale Cresta N).

Pizzo Cefalone
Pizzo Cefalone

 

Noi proseguiamo verso destra e in breve tempo dopo una leggera discesa ci troviamo nella Sella dei Grilli, ai piedi di questa stupenda montagna, Pizzo D’Intermesoli. Quest’ultimo tratto di ascesa è il più difficile, il prato erboso lascia spazio al ghiaione e alla roccia, cominciando a diventare sempre più ripido e deciso. Continuiamo fino a raggiungere un canale di roccia dove c’è un facile passaggio di primo grado (I). A questo punto la salita si fa un po’ più dolce e si raggiunge la vetta del monte. Ad aspettarci sulla cima la madonnina di Pizzo D’Intermesoli, installata al posto della classica croce.

Vetta Pizzo D'Intermesoli
Vetta Pizzo D’Intermesoli

 

Siamo completamente da soli, il cuore comincia a rallentare e i respiri si fanno più profondi. Il vento in lontananza comincia a muovere grandi banchi di nubi che dal Monte Corvo volano fino a Pizzo Cefalone e noi con la mente insieme a loro. Se il Massiccio del Gran Sasso è il cuore dell’Appennino, Pizzo D’Intermesoli è il cuore del Massiccio del Gran Sasso. Sotto di noi le due valle glaciali, la Val Maone che separa Pizzo D’Intermesoli dal Corno piccolo e la Valle del Venacquaro che lo separa dal Monte Corvo. Il Corno grande svetta imperioso, a fianco il Corno Piccolo. La più bella prospettiva che si possa avere sul Massiccio del Gran Sasso.

Monte Corvo
Monte Corvo

 

Rimaniamo circa 30 minuti sulla vetta di questa montagna, fino a quando il mare di nubi raggiunge anche Pizzo D’Intermesoli. Decidiamo di fare una cosa che sconsiglio, sulla vostra destra in direzione del Monte Corvo c’è una discesa sul ghiaione che scende molto velocemente sulla Sella dei Grilli. Per chi non è veramente esperto consiglio di riprendere il sentiero dell’andata, quello segnato, per riscendere.

Ritornati sulla Sella dei Grilli, felicissimi dello spettacolo che ci ha offerto Pizzo D’Intermesoli, decidiamo di andare a raggiungere la sommità di Pizzo Cefalone, non vogliamo finire la nostra giornata di escursioni, immersi nelle meraviglie di questo massiccio montuoso…

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top
×Close search
Cerca

Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Accettando i cookie ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi