skip to Main Content
Peschio Delle Cornacchie

Peschio delle Cornacchie, Monte Pozzotello e Cima del Diavolo da Campocatino

Oggi vi portiamo sulla catena subappenninica dei Monti Ernici, una breve catena montuosa al confine tra Lazio e Abruzzo. Sono con il mio amico Giuseppe Salsano che organizza questa escursione.

Campocatino dal Peschio delle Cornacchie
Campocatino dal Peschio delle Cornacchie

 

Arriviamo a Campocatino (1790 m) di prima mattina, nel parcheggio adiacente alle piste da sci non c’è nessuno. Percorriamo la piana di Campocatino lungo il sentiero 602 e raggiungiamo abbastanza in fretta la prima meta del giorno, il Peschio delle Cornacchie (1983 m), ci armiamo di ramponi e piccozza e cominciamo l’ascesa tenendoci sempre sulla sottile linea di cresta.

Pechio delle Cornacchie
Pechio delle Cornacchie

 

La neve tiene molto bene, sono le 08:00 del mattino ed è un vero piacere sentire le punte dei ramponi che grattano sotto gli scarponi. Raggiunta la cima, lo scenario è stupendo, completamenti immersi nel biancore della neve che comincia a risplendere illuminata dalla luce del mattino.

Sentiero 602
Sentiero 602

 

Ci rimettiamo subito in marcia e riscendiamo il Peschio delle Cornacchie (direzione sud), fino ad arrivare alla Sella Pozzotello (1940 m). Dalla sella si diramano diversi sentieri, continuiamo a camminare sempre verso sud, abbandoniamo il sentiero tracciato per proseguire su un tracciato di cresta e dopo qualche sali e scendi arriviamo sulla vetta del Monte Pozzotello (1995 m).

Ramponi e piccozza
Ramponi e piccozza

 

Questa è la massima altura che raggiungiamo in questa giornata e il paesaggio circostante è stupendo! In lontananza si erge il Monte Cotento, la vetta più alta dei Monti Simbruini. Il Monte Viglioche sembra quasi di toccarlo, la cima più elevata dei Monti Cantari. Il Monte Sirente e il bellissimo apparato del Massiccio della Majella. Dall’altro lato si possono distinguere perfettamente i Monti Lepini.

La Majella
La Majella

 

Scendiamo dal monte e proseguendo sempre a sud, fino a raggiungere il pianoro di Campovano. Dall’altra parte del pianoro c’è la casetta del rifugio dell’Enel, completamente sommerso dalla neve. Arriviamo fino al Vado del Pozzotello, e ricominciamo a salire fino ad arrivare sulla Cima del Diavolo(1948 m), decidiamo che è l’ultima vetta del giorno. Ormai il sole e la temperatura abbastanza alta, cominciano a far diventare la neve pappa.

Vedute Invernali
Vedute Invernali

 

Per la via del ritorno decidiamo di seguire il sentiero che costeggia i vari monti fino a ritornare sull’attacco del Peschio delle Cornacchie. Ci concediamo un’ultima ascesa su questo monte, notiamo che su un suo lato la neve è ancora abbastanza compatta. Riscendiamo sul sentiero tracciato, ci togliamo ramponi e piccozza e torniamo al parcheggio di Campocatino, che ormai pullula di persone.

Questo percorso è ottimo per provare ramponi e piccozza, e impratichirsi con l’uso di questi strumenti.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top
×Close search
Cerca

Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Accettando i cookie ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi