skip to Main Content
Tramonto Sul Corno Grande

Cresta Ovest Corno Grande

Era da tanto che, volevamo vedere l’imbrunire, dal tetto degli Appennini. Essere le ultime persone trafitte dai raggi del sole, prima della sera, di tutto il Centro Sud Italia. O almeno, ci piace pensarla in questo modo.

Tramonto sul Corno Grande
Tramonto sul Corno Grande

 

Arriviamo a Campo Imperatore (2100 m) e parcheggiamo la macchina in prossimità dell’osservatorio astronomico. Percorriamo il sentiero estivo e in breve tempo ci portiamo sulla Sella del Monte Aquila (2335 m).

Corno Grande dalla Sella del Monte Aquila
Corno Grande dalla Sella del Monte Aquila

 

Lo scorcio di montagne da questa sella è sempre qualcosa di emozionante. Il Corno Grande (2912 m), appare con tutta la sua eleganza. Continuiamo sulla Via Normale fino a raggiungere la Sella del Brecciaio (2506).

Vedute dalla Cresta Ovest
Vedute dalla Cresta Ovest

 

I paesaggi, man mano che si sale, divengono più ampi. Ci ritroviamo ad un bivio e decidiamo di percorrere la Cresta Ovest della Vetta Occidentale del Corno Grande. Una bellissima via con passi di I grado che percorre tutta la Cresta Ovest. Ci sono vari scavalcamenti da una parte all’altra della cresta. Il percorso diventa aereo, le vedute sul Corno Piccolo (2655 m) sono tutte da assaporare.

Corno Piccolo
Corno Piccolo

 

La Cresta Ovest si ricongiunge con la Via Normale in prossimità della vetta. Dopo qualche roccia, raggiungiamo la croce della Vetta Occidentale del Corno Grande.

Ognuno sta sole sul cuor della terra...
Ognuno sta sole sul cuor della terra…

 

Sulla cima del Monte, attendiamo su di una rupe, l’ora del tramonto. Dolcemente, i colori mutano al calar del Sole. Una smisurata sensazione di pace, pervade il corpo mio. Queste rocce si colorano di rosa, al colpir della luce calda. Le Acque, del Lago di Campotosto, riflettono gli orizzonti e il Ghiacciaio del Calderone sembra rilassarsi, senza l’incessante battito del giorno. Il Gran Sasso, tetto degli Appennini, vibra di energia nell’Italia meridionale. Come un cuore pulsante balla, la sua eterna danza, al ritmo di tarantelle tra Mar Adriatico e Mar Tirreno.

Dal Corno grande al Lago di Campotosto
Dal Corno grande al Lago di Campotosto

 

Le luci cominciano a spegnersi, e con gli occhi pieni di fuoco cominciamo la nostra discesa per la Via Normale. Uno sguardo al Ghiacciaio (Glacionevato) del Calderone, più che uno sguardo una preghiera.

Riscendendo dal Corno Grande
Riscendendo dal Corno Grande

 

Raggiunta la Sella del Brecciaio è ormai notte, accendiamo le frontali e notiamo il riflesso degli occhi, il Tapetum Lucidum, dei Camosci. Le stelle si accendono e ogni tanto ci fermiamo a contemplarle nel buio più totale, immersi nelle montagne del Massiccio del Gran Sasso.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top
×Close search
Cerca

Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Accettando i cookie ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi