skip to Main Content
Monte Gennaro

Monte Gennaro da Prato Favale

Oggi vi proponiamo un classico dei Monti Lucretili, il Monte Gennaro o Monte Zappi (1271 m). La seconda cima più elevata di questa breve catena montuosa.

Boschi incantati
Boschi incantati

 

La giornata è molto nuvolosa e il Monte Gennaro è coperto da una fitta coltre di nebbia. Parcheggiamo la macchina alla fine della SP di Prato Favale (830 m). La strada asfaltata finisce e senza possibilità di errore imbocchiamo il sentiero (su una roccia in basso a destra c’è la segnaletica del CAI).

Sentiero Monte Gennaro
Sentiero Monte Gennaro

 

Questo percorso attraversa svariate tipologie di paesaggi e scenari. Dapprima si attraversano delle pietraie, fino ad arrivare al Malepasso (882 m) dove incontriamo una bellissima mandria di cavalli. Il sentiero pietroso comincia ad addentrarsi all’interno di un maestoso bosco di faggi. Abbiamo la sensazione di camminare dentro un letto prosciugato di un fiume circondati da questi faggi spettacolari, incastonati sulle sue sponde. Uno scenario davvero suggestivo, reso ancora più affascinante dalla presenza della nebbia. La nebbia ci accompagnerà per tutto il tragitto di andata e anche quello di ritorno.

Faggi incastonati
Faggi incastonati

 

Seguiamo la segnaletica fino ad arrivare al Bivio Campitello, a questo bivio bisogna proseguire dritti e risalire lentamente fino ad arrivare ai Pratoni di Monte Gennaro, e all’abbandonata Cappella di San Donato. Arrivati alla chiesetta, bisogna girare a sinistra e stare molto attenti alla segnaletica, poiché dopo un centinaio di metri sulla destra (il segnale è posto su una roccia a terra) bisogna girare e attraversare tutto il pianoro.

Pratoni
Pratoni

 

La nebbia ci circonda completamente su questa piana, nascondendo le cime dei vicini monti, il gracchiare delle cornacchie ci accompagna lungo questo scenario quasi surreale. Arrivati dall’altra parte dei pratoni il sentiero si dirama nuovamente su l’ultimo tratto di bosco.

La Troscia
La Troscia

 

Arriviamo alla Troscia (1105 m) e c’è il primo cartello che indica il Monte Gennaro. Usciti dal bosco ricominciano le pietraie che ci accompagnano fino ad arrivare sulla cima del monte, dove la croce è posta su un blocco di cemento.

Cima Monte Gennaro
Cima Monte Gennaro

 

La nebbia, sempre più fitta man mano che si salgono le pendici del monte, rende il paesaggio invisibile. Tutto sembra così lontano. I boschi e le piane avvolte da un bianco silenzio. Fino ad arrivare in vetta dove, l’iroso passare del vento spinge le nubi contro i profili del monte e rompe gli echi con le sue voci. Possiamo soltanto immaginare cosa c’è dietro quei veli che offuscano la vista e vestono di nulla gli orizzonti.

Monte Gennaro
Monte Gennaro

 

Scendiamo, inizialmente, sulla strada dell’andata. Fino a giungere al punto della pietraia da dove siamo arrivati. Invece di girare a destra decidiamo di fare una deviazione e proseguire dritti, scendendo molto rapidamente, su un visibile sentiero. Per pochi momenti le nubi si diradano e ci permettono di vedere il Monte Gennaro, ormai alto sopra di noi.

Sentiero nel bosco
Sentiero nel bosco

 

Arriviamo fino al bivio, in prossimità di un’alta parete di roccia, che ci indica la strada per Marcellina. Invece di girare a destra per andare verso il paese bisogna prendere il sentiero di sinistra, che ci conduce nuovamente sui Pratoni di Monte Gennaro dopo essere passati in un altro tratto di bosco (attenzione alla segnaletica in questo breve tragitto).

Pratoni Monte Gennaro
Pratoni Monte Gennaro

 

Una volta raggiunti i Pratoni incomincia a piovere copiosamente. Attraversiamo sempre dritti la piana fino ad arrivare nuovamente alla Cappella di San Donato e continuiamo a scendere per lo stesso sentiero già percorso in precedenza.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top
×Close search
Cerca

Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Accettando i cookie ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi