skip to Main Content
Giro Dei Laghi Del Cevedale

Il Giro dei Laghi del Cevedale da Malga Mare

Un bellissimo trekking, nella nostra breve permanenza nella Val di Peio, è il Giro dei Laghi del Cevedale. Un percorso ad anello con dei paesaggi mozzafiato.

Il Monte Vioz dal Lago Nero
Il Monte Vioz dal Lago Nero

 

Arriviamo al parcheggio Malga Mare (1972 m), abbiamo deciso che la prima tappa della nostra escursione è il Lago del Careser (2603 m). Seguiamo le indicazioni e cominciamo la nostra ascesa, dapprima all’interno di un bosco.

Monte Vioz
Monte Vioz

 

Appena i paesaggi si aprono il Monte Vioz (3645 m) si mostra con tutta la sua magnificenza. Il rumore, o meglio lo scroscio delle acque che vengono dal Ghiacciaio della Vedretta Rossa (3160 m) è una costate lungo tutta la salita.

Lago della Dama
Lago della Dama

 

Sulla nostra destra a circa metà salita, da lontano ci fermiamo a mirare il Lago della Dama (2275 m). l’ascesa si snoda interamente sul percorso 123, fino ad arrivare al Lago del Careser. Un bacino artificiale che convoglia le acque provenienti dal Ghiacciaio del Careser (3047 m).

Lago del Careser
Lago del Careser

 

Il Percorso continua sulla diga del Lago del Careser e giungiamo nel vicino e piccolo Lago Nero (2624 m ). Uno splendido lago alpino con acque cristalline che ha una veduta sul Monte Vioz che riempie gli occhi di bellezza.

Lago Nero
Lago Nero

 

Contrasti di nuvole si immergono nelle acque. Le luci, di questi paesaggi, cambiano continuamente al variare dei venti che danzano con le nubi. Gli scenari e il tempo sembrano quasi accelerati. Si muovono con lo spostarsi di quella luce, ora velata e ora risplendente, sotto l’incessante abbraccio del vento. 

Lago Lungo
Lago Lungo

 

Ci addentriamo nel vivo dell’itinerario, gli spazi nei quali siamo catapultati sono davvero ampi. Lontano appare il Lago Lungo (2550 m). Dall’alto percorriamo tutta la sua estensione fino a intercettare il percorso 104.

Lago delle Marmotte
Lago delle Marmotte

 

L’ultimo lago di questo itinerario che visitiamo è il Lago delle Marmotte (2710 m), un cartello recita le seguenti parole: “Qui la connessione a un mondo virtuale non può esistere, lasciati emozionare dalla bellezza della natura e dai spazio al tuo tempo”.

Cascata Salt dei Gembri
Cascata Salt dei Gembri

 

Dal belvedere poco sopra il lago, cominciamo la discesa che ci conduce fino al Rifugio Guido Larcher (2608 m). Dal rifugio lasciamo il percorso 104 per prendere il percorso 102. Poco prima di raggiungere nuovamente il parcheggio, una piccola deviazione ci porta alla Cascata Salt dei Gembri. Miriamo questo spettacolare salto di acqua e torniamo a valle.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top
×Close search
Cerca

Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Accettando i cookie ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi