skip to Main Content
Monte Meta

Monte Meta dal Rifugio Campinelli

Zaino in spalla con Alessandra e Matteo e andiamo sui Monti Marsicani nell’Appennino abruzzese al confine col Molise e il Lazio, sulla catena montuosa dei Monti della Meta. La vetta del giorno è proprio il Monte Meta (2241 m). Per raggiungere La Meta ci sono vari percorsi.

Cima Monte Meta
Cima Monte Meta

 

Noi partiamo dal versante abruzzese, dal Rifugio Campitelli (1420 m), attraverso il sentiero L1. Siamo immersi nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, una tra i più importanti riserve d’Italia. La fauna, in questo territorio ha un valore inestimabile. Basti pensare che questo parco è l’habitat dell’Orso Bruno Marsicano, una specie endemica di queste zone seriamente in pericolo, di cui sono rimasti circa 50 esemplari.

Pianoro Campitelli
Pianoro Campitelli

 

Il percorso, dal Pianoro Campitelli, entra rapidamente all’interno di una bellissima faggeta. Dopo circa un’ora di cammino, usciamo dal bosco e attraversiamo una splendida vallata, le Praterie dei Biscurri, con vecchi ruderi di un insediamento pastorale e un fortino dei tempi del brigantaggio.

Praterie dei Biscurri
Praterie dei Biscurri

 

Siamo Circondati dalle cime delle montagne e davanti a noi si erge il bellissimo e bianco Monte Meta. Sulla nostra sinistra, in lontananza, in prossimità di una cresta notiamo un intero gregge di Camosci d’Abruzzo, un incontro stupendo ed emozionante. Ricordiamo che il raggiungimento della vetta del monte  Meta, era stato interdetto agli escursionisti proprio per salvaguardare il territorio di questo animale.

Camoscio d'Abruzzo
Camoscio d’Abruzzo

 

Ci fermiamo per ammirare la bellezza di questi animali che si spostano lentamente sulla cresta del monte e scendono sull’altro versante, scomparendo tra la luce del sole e il nostro stupore, uno spettacolo unico.

Riprendiamo il sentiero che piega sulla sinistra affacciandosi sulla Valle Pagana, facciamo un po’ di sali e scendi su un percorso abbastanza roccioso e arriviamo al famoso Passo Dei Monaci(1967 m), dove confluiscono tutti i sentieri che partono dagli altri versanti. Da questo punto la salita si fa abbastanza prominente fino ad arrivare alla cima del monte. La veduta dalla vetta è qualcosa di entusiasmante, il paesaggio si affaccia sull’Appennino centrale. Dapprima sui Monti Marsicani, poi sul Massiccio del Matese e la Majella.

Vetta Monte Meta
Vetta Monte Meta

 

Dall’alto vediamo il percorso fino dalla faggeta che abbiamo appena fatto e la cresta della montagna sottostante dove abbiamo avvistato i Camosci. Rimaniamo per circa 30 minuti ad ammirare le nuvole che corrono dalla vetta del Meta. Caliamo dal monte percorrendo lo stesso percorso dell’andata, fino a tornare a Passo Dei Monaci.

Monte Meta dalla Valle Pagana
Monte Meta dalla Valle Pagana

 

Invece di riprendere il sentiero L1, scendiamo alla sua destra e prendiamo il percorso M1 che scende lungo la Valle Pagana e, dopo aver superato una piccola fonte, rientra all’interno di un’altra faggeta, caratterizzata da tantissime pietre bianche. Si scende fino ad arrivare ad un’area attrezzata dove incomincia una strada asfaltata. In fondo si scorge un laghetto dove si abbeverano bovini e equini.

Dal Laghetto al Monte Meta
Dal Laghetto al Monte Meta

 

 

Dal laghetto ci manteniamo sulla sinistra, salendo lungo il prato. Alla fine della salita è possibile vedere la strada asfaltata, la percorriamo fino ad arrivare ad un bivio dove ci manteniamo sulla sinistra, incontrando una bellissima volpe e molti altri bovini. Una volta svoltato a sinistra dopo qualche centinaio di metri si ritorna al Pianoro Campitelli, completando l’anello.

Riflessi sul laghetto
Riflessi sul laghetto

 

Per completare il percorso abbiamo impiegato circa 6 ore (tante pause) 3 ore all’andata e 3 ore al ritorno. L’itinerario è medio-impegnativo, comunque Matteo che ha 12 anni lo ha affrontato molto bene. Il vero punto di forza di questo posto è il paesaggio selvaggio (abbiamo incontrato pochissime persone) e la ricchezza della fauna. L’incontro con i Camosci Appenninici è stato qualcosa di entusiasmante. Il Monte Meta è una delle più belle escursioni che si possano fare nell’Appennino Centrale. Lascia l’escursionista a bocca aperta per le ripetute e continue bellezze che offre il territorio.

 

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top
×Close search
Cerca

Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Accettando i cookie ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi