skip to Main Content
Cima Del Redentore, Pizzo Del Diavolo E Lago Di Pilato

Cima del redentore, Pizzo del Diavolo e Lago di Pilato da Forca di Presta

Oggi ci immergiamo nel cuore dei Monti Sibillini, i cosi detti Azzurri Monti. Nell’Appennino Umbro-Marchigiano.

Monti Sibillini
Monti Sibillini

 

Parcheggiamo la macchina a Forca di Presta (1550 m) e cominciamo la nostra ascesa fino ad arrivare al Rifugio Tito Zilioli (2250 m). Davanti a noi si erge la massima elevazione di questo gruppo, il Monte Vettore (2476 m).

Lago di Pilato
Lago di Pilato

 

Pieghiamo a sinistra, lasciandoci alle spalle il rifugio e cominciamo a salire fino a giungere sul Monte Vettoretto (2361 m), intercettando la bellissima linea di cresta. Entriamo nel vivo di questo percorso, i paesaggi divengono aerei e tutti i Piani di Castelluccio si mostrano ai nostri occhi.

Piani di Castelluccio
Piani di Castelluccio

 

Seguendo la cresta, con un susseguirsi di sali e scendi raggiungiamo, dapprima, la Cima del Lago (2411 m) e in seguito la Cima del Redentore (2436 m), la seconda elevazione di questi monti. Dalla Cima del Redentore attraverso un sottile filo di cresta, scendiamo a Pizzo del Diavolo (2392 m). La vetta più bella e rocciosa di tutti i Monti Sibillini.

Lago di Pilato (prima parte)
Lago di Pilato (prima parte)

 

Torniamo indietro, sulla Cima del Redentore, e riprendiamo a camminare sulla lunga cresta tra ampi scenari e infinite bellezze fino a Forca Viola (1936 m). Continuiamo a scendere verso la Valle del Lago di Pilato e attraversiamo i pietrai che scendono dalle montagne appena attraversate. Dinanzi a noi le imponenti pareti rocciose del Pizzo del Diavolo.

Lago di Pilato (seconda parte)
Lago di Pilato (seconda parte)

 

Finalmente, dopo la conca, si apre in tutta la sua bellezza, il Lago di Pilato (1941 m), diviso in due. IMPORTANTISSIMO, mantenere una distanza dalle sponde di questo lago di 5 m! Bisogna salvaguardare il Chirocefalo del Marchesoni, un piccolo crostaceo endemico di questo lago…

Gli occhi dei Sibillini
Gli occhi dei Sibillini

 

Appenniniche acque, le più belle di questa montuosa catena. Lentamente, si muovono, con azzurra bellezza. Sembra quasi che il tutto, sia mosso, da una religiosa atmosfera. La sacralità, che posso respirare, percepire, dalle sponde del Lago di Pilato mi pervade l’animo d’immensa purezza.

 

Risaliamo il lago di Pilato dalla parte opposta, dal lato del Monte Vettore. Arriviamo alle “roccette” e, dopo un’ultima salita, torniamo al Rifugio Tito Zilioli e per la stessa strada dell’andata fino a Forca di Presta.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top
×Close search
Cerca

Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Accettando i cookie ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi